Categorie
Attualità

“Per Favore Aiutatemi, Ho il Cancro”, Poi La Scoperta Shock sulla 42enne Nicole Elkabbass

La 42enne britannica Nicole Elkabbass aveva organizzato una raccolta fondi dicendo di essere affetta da una grave forma di cancro, ma le cose erano ben diverse.

Nicole Elkabbass
LA RICHIESTA DI AIUTO PER LE CURE

Una storia sconvolgente quella che arriva dall’Inghilterra, la 42enne Nicole Elkabbass aveva avviato una raccolta fondi per un trattamento salvavita, alla fine è stata accusata di truffa aggravata.

La donna aveva aperto una pagina su GoFoundme associata al suo conto bancario su cui c’era scritto: “Nicole ha bisogno del nostro aiuto per le cure”, che probabilmente è realizzata dalla madre. Nel profilo si spiegava che alla Elkabbass era stato recentemente diagnosticato un cancro e aveva necessariamente di bisogno delle cure per salvarsi la vita, per questo motivo chiedeva denaro come opera di carità. Era stata anche caricata una foto di lei, in un letto dell’ospedale con occhi chiusi e bocca aperta, per rendere eloquente il suo stato di salute.

Nicole Elkabbass

Successivamente si è scoperto che l’immagine era stata scattata a seguito ad un semplice intervento per rimuovere la cistifellea, e non durante i trattamenti per il cancro. Il procuratore Ben Irwin ha così cominciato ad indagare sulla vicenda, il ginecologo della donna ha rivelato che a lei non era mai stato diagnosticato alcun cancro.

LEGGI ANCHE: Finge di Avere un Tumore per Truffare La Compagna Conosciuta sul Web, L’Orrendo Raggiro da 400mila Euro

ERA TUTTA UNA TRUFFA

Alla fine è emerso che Nicole adoperava il denaro della raccolta fondi solo per ottenere uno stile di vita più agiato, utilizzando quei soldi per viaggi, gioco d’azzardo e biglietti per le partite del Tottenham Hotspur. Le donazioni inoltre passavano attraverso la sinagoga di Ramsagate, di cui però il rabbino ha negato totalmente il suo coinvolgimento.

L’ACCUSA PER FRODE

Ora Nicole è coinvolta in un processo dov’è considerata responsabile di due accuse di frode avvenute entrambe nel 2018, su di lei non è stata emessa alcuna sentenza.