Preside Sceriffo ? Io l’ho Avuto Già nel 1978

Più o meno intorno alle 11, si sente bussare alla porta dell’aula, mentre la lezione è in pieno svolgimento.

 

La porta si apre, entra il Dirigente Scolastico.

 

Sorride agli Allievi, dice all’Insegnante di proseguire: lui si siede fra i banchi e ascolta.

 

Di certo non è facile proseguire sapendo che Lui, il “Dirigente” è lì che ascolta e valuta.

 

preside sceriffo

 

L’Insegnante si appresta alla lavagna, il Dirigente lo interrompe. Fa domande agli Allievi, poi improvvisa una lezione spiegando ciò che l’Insegnante aveva iniziato a spiegare.

 

L’Insegnante, allievo fra gli allievi, ascolta.

 

Il Dirigente chiede il registro di classe, lo osserva, chiede il documento di programmazione, lo guarda, prende appunti: gli servono per formulare una valutazione.

 

Il giorno dopo l’Insegnante viene chiamato dal Dirigente. Entra, il Dirigente lo guarda con aria severa, ma paterna.

 

Si alza, prende dalla sua biblioteca due libri, li consegna all’Insegnante, gli chiede di leggerli: uno riguarda il progetto ungherese “OPI” per l’insegnamento della matematica, l’altro è un libro rosso e bianco: parla di programmazione didattica.

 

Il Dirigente esprime all’Insegnante il suo punto di vista sul processo di apprendimento, gli suggerisce di consolidare alcune competenze, poi gli mostra il giudizio formulato : non male, ma ci è ancora tanto da fare.

 

L’Insegnante legge quel giudizio, arrossisce perché sa che può migliorare, lo raccoglie come una sfida.

 

Saluta, chiude la porta, accompagnato da una stretta di mano del Dirigente, rientra in aula.

 

Era il 1978. Quel Dirigente era un Direttore Didattico. Quell’Insegnante ero io.

 

E ho varcato quella porta sentendomi non giudicato, ma aiutato. E ancora oggi, per quell’aiuto, ogni tanto alzo gli occhi al cielo, e ringrazio.

 

Giuseppe Albano – insegnante

 


Diventa un autore di MenteDidattica e pubblica i tuoi articoli!

Gli insegnanti che inviano la propria richiesta, una volta accettati, potranno pubblicare articoli su tematiche scolastiche preferite.

Un commento su “Preside Sceriffo ? Io l’ho Avuto Già nel 1978”

  1. Caro collega, invece per me fu molto differente. Era il 17 novembre del 1980, la Preside Prof.ssa Anna Maria Zappelloni, in quel di Stresa ( NO ) ora ( Verbania ), Scuola Media Statale “C. Rebora”, il mio primo giorno di insegnamento: All’ inizio della 3° ora bussano alla porta e subito dopo entra la D: S: che con fare alquanto autoritario mi dice: Professore, Lei è così giovane che vorrei assistere ad una sua lezione, se permette mi accomodo qui, ( un posto dell’ ultima fila ). Io, per nulla intimorito mi avvicinai e Le dissi, quasi all’ orecchio: Preside, mi faccia la richiesta scritta ed entro i 5 giorni previsti dalla normativa vigente Le farò sapere se accetto o meno. Ringraziandola mi avvicinai alla porta e se ne uscì. L’ ISEF allora come oggi è l’unica formazione Universitaria che tra gli esami ne prevede uno che si chiama Tirocinio e Normative, tutte le altre Facoltà Universitarie attestano solo la Laurea. Da quel momento ti posso assicurare che i miei rapporti con la D: S: migliorarono nettamente ed avevo appena 22 anni. Ciao, Alfio Lo Casto.

    Rispondi

Lascia un commento