Condividi

Banksy non smette di stupire. L’artista di origine britannica, celebre in tutto il mondo grazie alle sue opere di street arti a sfondo politico, sociale e satirico, ha regalato ai fan un nuovo murales. Questa volta, il suo graffito è apparso a Bristol, in Gran Bretagna. Proprio la città che si presume sia la terra d’origine del misterioso artista.

Il tema dell’opera? La festa degli innamorati, San Valentino. Banksy è stato così tagliente che il suo murales è apparso non il 14 febbraio, ma un giorno prima. Sulla parete di un edificio situato nella zona di Barton Hill, lo street artist ha disegnato una ragazzina che tiene una fionda in mano e che appare ricurva, proprio nell’atto di far partire il colpo. E in effetti, poco più in alto, vi è un’esplosione rossa, realizzata con foglie e plastica. Sembrano schizzi di sangue. Secondo i critici, l’interpretazione può essere esplicita: si tratterebbe del cuore infranto di Cupido, il dio dell’erotismo e della bellezza.

banksy murales san valentino

Banksy, come è solito fare, ha pubblicato lo scatto che raffigura il suo murales sul profilo Instagram. Immediatamente, la foto è diventata virale e ha ricevuto oltre mezzo milione di like e migliaia di commenti. Tra questi, vi è anche chi sostiene che la street art sia posizionata “a due passi da casa sua“. L’artista misterioso, però, non ha risposto. E non ha nemmeno fornito alcun commento sulle interpretazioni relative al significato della sua nuovissima opera. Nonostante ciò, esattamente come è accaduto per tutti i suoi disegni o sculture, è plausibile che anche in questo caso si possa assegnare una connotazione politica al murales e alla festa di San Valentino.

Comunque, Banksy aveva suscitato notevole ammirazione, oltre per la sua famosissima opera intitolata “La ragazza con il palloncino“, per un graffito realizzato poco prima di Natale. Nel video da lui stesso postato sui social network, aveva utilizzato la panchina in cui stava dormendo un clochard come se fosse la slitta di Babbo Natale. Così, al fianco, aveva disegnato in bianco le redini e le renne.