Il Sindaco ai Genitori: “Educate i Vostri Figli o Li Denuncerò ai Servizi Sociali”

“Se non educate i vostri figli, dovrò ordinare ai vigili di identificarli ufficialmente e, di conseguenza, scatterà la segnalazione ai Servizi sociali e poi al Tribunale dei minori. Sarete quindi obbligati a pagare un avvocato per difendere vostro figlio” è l’appello del sindaco di Uboldo, nella provincia di Varese, fatto ai genitori di alcuni ragazzi, durante un incontro, lo scorso 31 marzo.

servizi sociali

Troppe le segnalazioni arrivate al comune per il comportamento ‘fuori dalle righe’ di molti ragazzini specialmente nell’utilizzo delle bici. Molti ragazzi sono stati avvistati anche all’uscita da scuola impennando sulla sella della bici o andando contro mano, col rischio di essere investiti dagli automobilisti, che hanno così iniziato a denunciare il fatto.

Fenomeni di bullismo oltre le aule da arginare con l’aiuto dei genitori dei ragazzi e se questo non bastasse con l’intervento dei Servizi Sociali.

Diventa un autore di MenteDidattica e pubblica i tuoi articoli!

Gli insegnanti che inviano la propria richiesta, una volta accettati, potranno pubblicare articoli su tematiche scolastiche preferite.

2 commenti su “Il Sindaco ai Genitori: “Educate i Vostri Figli o Li Denuncerò ai Servizi Sociali””

  1. fa benissimo il Sindaco, non mi importa di che partito sia, quando una iniziativa è buona è buona. Questi teppistelli ora creano pericoli con le bici domani se i genitori non intervengono ad educarli faranno casino con le auto e saranno molto pericolosi. Se i Sindaco comincia a mettere in atto la sua minaccia vedrete poi se quei genitori assenti vedendosi costretti a pagare gli avvocati non seguiranno meglio i loro figli.

    Rispondi
  2. D’accordo con il sindaco. E’ ora che i genitori riassumano le proprie responsabilità invece di lasciar andare alla deriva questi poveri ragazzi che non hanno più un modello di riferimento cui appellarsi. Io sarei ancora più drastica: farei un test di abilitazione alla genitorialità prima che mettano al mondo un figlio.

    Rispondi

Lascia un commento