Categorie
Attualità

Morte Paolo Rossi, i Ricordi Personali della Prima Moglie Simonetta Rizzato



Simonetta Rizzato, prima moglie del compianto Paolo Rossi, parla della loro storia d’amore a pochi giorni dalla morte del fuoriclasse.

Morte Paolo Rossi
L’AMORE IN TENERA ETÀ

Un rapporto durato diciotto anni, cominciato in giovane età: 17 anni lei, 20 lui, tanto da essere definiti dalla stessa Rizzato “piccoli, molto teneri”.

Sono stati anni bellissimi e intensi – continua, parlando del periodo in cui Rossi vinceva i Mondiali con l’Italia – C’è un episodio che descrive bene che persona fosse Paolo: quando i giornalisti gli chiesero come si sentiva, lui rispose ‘Questo è un anno importante per me: nascerà mio figlio e ho vinto un Mondiale’. Ecco, per lui erano più importanti gli affetti”.


L’OMBRA CALCIO SCOMMESSE

Del periodo in cui Pablito venne accusato di far parte del mondo del calcioscommesse, la Rizzato ricorda: “La prese malissimo, perché sapeva di essere innocente. Si chiedeva cosa avrebbe pensato la gente: non come sportivo, ma come uomo. Non accettava l’idea di sparire come uno disposto a tradire i propri valori”.

Anche se il loro amore è poi finito, i due sono rimasti sempre in contatto e non solo per il loro figlio Alessandro: “Paolo è stato il primo amore, quel sentimento puro che si può vivere soltanto a quell’età. Poi, siamo cresciuti e maturando siamo cambiati. Lui era spesso lontano per lavoro e alla fine, dopo tanti anni insieme, abbiamo deciso di lasciarci e prendere strade diverse”.


LA NUOVA DONNA

LEGGI ANCHE: Dichiarazione Shock di Paola Ferrari per Paolo Rossi: “Voglio Morire Anche Io”

Un affetto che le ha fatto accettare di buon grado anche l’arrivo di una nuova donna nella vita di Paolo Rossi, Federica Cappelletti, descritta dalla Rizzato come “una donna stupenda e che gli è stata accanto in modo straordinario in questo periodo così doloroso”.