Condividi

Pessimi rapporti e competizione tra insegnanti nel corpo docente si sviluppano per una serie di motivi che derivano di solito dall’attuale cappa di paranoia, paura e frustrazione che avvolge la pubblica istruzione – ma è necessario combattere la negatività! Facciamo del male solo a noi stessi e ai nostri studenti.

 

Non percepisci affetto?

 

competizione fra loro

 

Ho insegnato e fatto il preside in scuole nelle quali l’ostilità fra gli insegnanti è palpabile. Individui che sono insegnanti davvero ottimi rifiutano con cattiveria di aiutarsi l’un l’altro o di collaborare a causa di vari dispetti, pettegolezzi e giudizi personali. Tengono nascoste le loro migliori lezioni e strategie con astio, convinti che i loro colleghi non meritino di trarne vantaggio.

 

Non ci sono vincitori se gli insegnanti sono in competizione fra loro. C’è una mancanza di sostegno e supporto reciproca. Perdiamo il rispetto dei nostri dirigenti scolastici che affrontano problemi molto più grandi. Deludiamo i genitori e i membri della comunità della Scuola che si aspettano professionalità dagli insegnanti dei loro figli. Peggio ancora, i nostri studenti sono privati di un ambiente di formazione unito dove le grandi aspettative sono la regola.

 

Come possono quindi gli insegnanti lavorare assieme se non c’è affetto? Come possiamo collaborare sinceramente con persone che a livello personale non sarebbero mai nostre amiche o con le quali non parleremmo mai? Per avere una squadra che funzioni devi “percepire affetto”, come ha affermato Shira Loewenstein (The Accidental Community: Feeling the Love), o riesci a collaborare effettivamente senza?

 

Prevenire lo sviluppo di pessime collaborazioni tra docenti necessita di una pianificazione attenta all’inizio dell’anno scolastico, insieme a coerenza e interventi durante l’anno. Tuttavia, se ti ritrovi in un rapporto negativo tra colleghi a metà anno, ci sono delle cose che puoi fare per cambiare il corso del team conservando la professionalità.

 

Prevenzione: Come allontanare la negatività  e la competizione in aula insegnanti

 

1. Imposta delle linee guida

Stila una lista di regole e di aspettative per il comportamento del corpo docente all’inizio dell’anno e ripercorrile a turno con convinzione all’inizio di ogni collegio docenti, consiglio di istituto, consiglio di classe, riunione di dipartimento o GLH.

 

2. Rivedile e correggi

Rendi le regole e le aspettative aperte a revisioni ogni trimestre – è un’opportunità per discutere e, per ogni insegnante, per far sentire la propria voce.

 

3. Assumiti le responsabilità

Stabilisci un ruolo per ogni membro del corpo docente all’inizio dell’anno e cambialo ad ogni trimestre. Alcuni di questi potrebbero includere moderatore di riunione, stenografo, responsabile di agenda (che ha un foglio di lavoro con promemoria e scadenze e controlla i proprietari dell’agenda), di contatto (comunica con i responsabili della segreteria), ricercatore, ecc.

 

4. Condividi le tue idee

Ogni membro del corpo docente (o coppia di membri, se il team è grande) dovrebbe impegnarsi a definire il programma prima dell’inizio della riunione e assumersi la responsabilità di presentarlo.

 

5. Crea un legame personale

All’inizio di ogni collegio, consiglio o riunione, racconta qualcosa di positivo – scrivilo sull’agenda, se ne hai bisogno. Condividi la parte migliore della tua settimana, un momento divertente con uno studente, una lezione della quale vai fiero, ecc. Assicurati di valorizzare i successi individuali e di gruppo ad ogni riunione. L’insegnamento è una sfida ed è facile concentrarsi sulle cose negative – sforzati di condividere anche le cose positive.

 

Intervento: Come cambiare il corso/contesto di un team negativo

 

1. Non puntare il dito

“Se cambi te stesso, cambierai la tua squadra”, scrive Kevin Kuse in Forbes. Se ti rendi conto di star sprecando il tuo tempo con un team negativo, secondo Kruse anche se non sei il leader puoi prenderti la responsabilità di migliorarlo.

 

2. Evita i pettegolezzi

Non ti fa apparire professionale, peggiora il circolo di negatività e raramente risolve i problemi.

 

3. Chiedi aiuto

Consulta il tuo preside o dirigente scolastico, l’insegnante più anziano o qualche collega di un altro istituto – potrebbero essere capaci di mediare, dare suggerimenti, modificare il tuo modello collaborativo e aiutare il tuo team a tornare in carreggiata.

 

4. Considera alternative

Se il team non riesce davvero a collaborare faccia a faccia a causa di conflitti caratteriali, prendi in considerazione il fatto di chiedere il permesso alla tua amministrazione per fare riunioni virtuali attraverso email, Google docs o applicazioni come Padlet o Flow, dove gli insegnanti scrivono le loro risposte ai promemoria e condividono documenti delle lezioni migliori, ecc. Non è l’ideale ma garantisce un po’ di comunicazione e collaborazione.

 

5. Sii un esempio da seguire

Contribuisci professionalmente in modo da andarne fiero. Mantieni la tua dignità. Anche se senti che gli altri non stanno dando un apporto positivo, evita una reazione emotiva e sii un buon esempio per i tuoi studenti, per gli altri insegnanti e per gli amministratori. È più facile dirlo che farlo, ma potrebbe salvare il tuo team e la tua reputazione professionale.

 

Migliora l’atmosfera scolastica

 

Considerato tutto ciò, ricorda la morale della favola – in giro c’è un’infinità di ricerche che indica che se gli insegnanti si concentrano sulla prassi migliore da seguire, sulle strategie di formazione, analisi dei dati e riflessioni, i voti degli studenti salgono, l’atmosfera scolastica migliora e la soddisfazione lavorativa abbonda. Quando gli insegnanti collaborano professionalmente, vincono tutti.

 

Proposte di lettura sulla collaborazione a Scuola

 

fonte: http://bit.ly/1MprXYe